salta la barra  menu di navigazione veloce Po-Net  Tempo Libero  Tutti gli eventi  Mostre: Mostra "Da scugnizzi a marinaretti"
Cartellone eventi Prato e dintorniRete Civica di Po-Net
indietro
Cartellone eventi di Prato e dintorni - Mostre

Mostra "Da scugnizzi a marinaretti"

Ingresso gratuito

 Domenica 8 ottobre inaugurazione della mostra "Da scugnizzi a marinaretti" con presentazione della Dottoressa Maria Antonietta Selvaggio e Fabio Cocifoglia.

La mostra ripercorre uno straordinario esperimento educativo attraverso immagini e testi provenienti dall'Archivio Civita-labriola Aubry, ufficialmente custodito presso il Museo del Mare di Napoli.

Nell'aprile del 1913, Giulia Civita Franceschi (1870-1957), una donna di grande vocazione pedagogica, saliva a bordo della Nave Asilo "Caracciolo", destinata dal Ministero della Marina alla città di Napoli per la salvezza dei bambini e dei ragazzi di strada.

Nell'arco di un quindicennio, fino a quando nel 1928 la sua opera non venne interrotta per volontà del regime fascista, riuscì ad accogliere e educare più di settecento "scugnizzi" facendone dei marinaretti. Sulla "Caracciolo" ciascuno di loro trovò la famiglia e la casa di cui era stato privato e, grazie al metodo Civita, poté istruirsi e svilupparsi secondo le proprie attitudini.

La Nave non fu un tradizionale istituto di accoglienza per l'infanzia derelitta ma costituì, grazie alle scelte psico-pedagogiche di Giulia Civita Franceschi, una forma di "affido" ante litteram.

I caracciolini erano considerati i figli adottivi di una famiglia culturale, non biologica, fondata nel momento stesso in cui l'accoglienza si trasformava nella costruzione di una famiglia. In questo modo Giulia Civita volle rovesciare lo statuto del bambino orfano e/o abbandonato, privo di una rete di protezione familiare, predisponendo intorno a questo soggetto fragile un ambiente protettivo, vicario della famiglia, il più possibile lontano dalle atmosfere del riformatorio e dell'orfanatrofio.

Molti furono i caratteri di avanguardia del metodo Civita, dall'abolizione dei premi e dei castighi, al mentoring tra pari, all'uso dell'autobiografia a sostegno di un percorso di resilienza, tutti convergenti verso l'acquisizione di una forte dignità personale, basata sulla libertà e sulla solidarietà, il che rendeva il suo approccio educativo assolutamente incompatibile con il progetto fascista di irreggimentazione della gioventù.

La mostra in oggetto, con relativa conferenza inaugurale e con la performance teatrale finale, si presenta come una tappaprogressiva di questa esperienza scientifico-culturale condivisa, tanto più significativa perché coincidente con il mese dell'Affido e in grado di richiamare l'attenzione e di mobilitare le sensibilità civili intorno a una problematica di grandissima rilevanza sociale.


Biblioteca Lazzerini

Prato 59100 (PO)

da domenica 8 ottobre 2017 a giovedě 16 novembre 2017

Ore 17.30

Notizie su " Mostra "Da scugnizzi a marinaretti""

Informazioni
Comune di Prato Servizio Sociale e Sanità
Servizio Affidi - Via Roma, 101 - 59100 Prato
Telefono: 0574 1836412 - 0574 1836404
Fax 0574 1837357
E-mail: servizioaffidi@comune.prato.it
Sito web: www.comune.prato.it/sanità

Per informazioni e appuntamenti: Lunedi ore 9.00-13.00 ore 15.00-17.00
È possibile lasciare un messaggio nella segreteria telefonica.


Programma

La mostra verrà inaugurata Domenica 8 ottobre alla presenza della Dottoressa Maria Antonietta Selvaggio e da Fabio Cocifoglia e terminerà Giovedì 16 ottobre con una serata conclusiva che vedrà esibirsi la Compagnia teatrale "Binario di Scambio" alle ore 21.00

L'evento fa parte della rassegna Mese dell'affido 2017
L'archivio del tempo libero: cos'č, come viene aggiornato, chi lo cura

Invia le tue segnalazioni sul Cartellone degli eventi del Tempo Libero alla Redazione Web del Comune di Prato scrivendo a info@tempolibero.prato.it
 indietro  inizio pagina
Menů di navigazione veloce 4 link
Luogo, prezzi e servizi
Giorni e orari
Notizie sull'opera
Contatta la redazione